logo
We are an amazing agency
The term minimalism is also used to describe a trend in design and architecture where in the subject is reduced to its necessary.
Read More →
Earthwalks la meditazione in movimento (2) | Il Giardino Energetico
15695
post-template-default,single,single-post,postid-15695,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,woocommerce-no-js,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,columns-4,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-16.4,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
 

Earthwalks la meditazione in movimento (2)

Earthwalks la meditazione in movimento (2)

Earthwalks, le tipologie

           Le Earthwlks si suddividono in molti capitoli, ognuno dei quali ha un tema specifico ed apre stati di consapevolezza

completamente nuovi.

Il gruppo di base è la chiave di volta per imparare le tecniche specifiche che concentrano l’attenzione sulle cose che di solito non vediamo né sentiamo

Le CAMMINATE DI ATTENZIONE rimuovono il velo che è stato posto sui nostri

sensi, consentendoci di percepire davvero il mondo e di incontrare quella parte di noi stessi

che anela di uscire allo scoperto.

 

 

 

           CAMMINATA DI ATTENZIONE

E’ la pratica su cui si basano tutte le Earthwlaks e la sua forma iniziale è la “Posizione della Volpe”:

  • assumete una posizione rilassata, con i piedi larghi quanto le spalle, le ginocchia morbide
  • fate un passo con il piede sinistro, lasciando il destro fermo sul posto, mantenendo gran parte del vostro peso sul piede rimasto indietro
  • piegate leggermente il busto in avanti e piegate un poco il ginocchio della gamba destra, per mantenere un saldo equilibrio.
  • le braccia sono lungo i fianchi con le mani in una posizione non usuale
  • fate alcuni profondi respiri ed affermate ad alta voce l’intenzione della vostra camminata
  • mantenete il silenzio, ponete la vostra attenzione sui rumori, i colori e gli odori dell’ambiente che vi circonda, cercando di far fluire i vostri pensieri senza che vi distraggano dal vostro compito quando avrete assimilato bene il movimento, prestate attenzione alla respirazione, arrivando gradualmente a far si che sia origine del vostro ritmo.

 

            

 

 

“Mentre il nostro ego trascorre gran parte del suo tempo guardando al futuro o lamentandosi del passato, il nostro corpo vive nel presente e lo riflette.”

 

 

             CAMMINATA DI ARMONIA E DI EQUILIBRIO

 

  • Camminate secondo la posizione della volpe, ascoltando le sensazioni che il vostro corpo vi trasmette
  • Ponete attenzione ai vostri passi, decidendo coscientemente dove “piazzare” i vostri passi, mantenendo il peso sul piede posteriore finchè non scegliete consapevolmente una direzione
  • In seguito interrompete improvvisamente i vostri passi e verificate il vostro centro di equilibrio
  • Ripetete la camminata su terreni diversi e con vari ostacoli
  • Concentratevi sul vostro peso e, appoggiando diversi oggetti su di voi, provate ad applicare la camminata senza farli cadere

 

 

CAMMINATA A PIEDI NUDI

 

Il fatto che vi togliate le scarpe cambia istantaneamente la vostra visione del mondo, vi trasformate, vi rilassate e sentite di non essere così isolati dal mondo come credevate.

 

  • Iniziate la camminata dalla posizione della volpe, camminando molto lentamente ed “assaporando” ad ogni passo il contatto sempre nuovo con la Terra
  • Rilassatevi completamente rimanendo però con i sensi vigili, osservando la vostra eazione (e quella degli altri se siete in gruppo, gioiendo nella condivisione dell’esperienza)
  • Affrontate poco a poco terreni diversi
  • Ripetete le esperienze delle precedenti camminate

 

 

       “Apriteli, camminate sulla Terra con le piante dei piedi  nude e non sarete mai più gli stessi”

 

 

             CAMMINATA COME UN’UNICA PERSONA

 

Questa pratica vi consente di condividere con coloro che camminano con voi un’energie ed uno spirito raramente presenti nelle attività frenetiche di ogni giorno: osservare e godersi sia la Terra sia la compagnia di altri esseri umani vuol dire creare uno spazio per la magia, per l’amore e per una vera comprensione dei propri e degli altrui punti di forza e di debolezza.

Quando un gruppo di individui forma e mantiene un’unica fila mentre cammina, costituisce un unico corpo capace di andare molto oltre le capacità distinte di ognuno

 

  • Assumere la posizione della volpe e formare una fila indiana, in cui la distanza tra i componenti sia appena superiore ad un braccio
  • Procedete facendo un passo uguale e nello stesso tempo della persona di fronte a voi.
  • Concentratevi per mantenere la stessa distanza e lo stesso ritmo di chi vi precede
  • Mantenete il vostro sguardo sui piedi di chi vi precede, creando una catena energetica attraverso gli occhi: riscoprite il vostro istinto ed imparate a fidarvi degli altri
  • Camminate in silenzio e, quando avrete assimilato la camminata, adeguate la vostra respirazione al ritmo comune fino ad arrivare a respirare tutti all’unisono, in un grande movimento energetico di scambio con la Terra.

 

 

Ringraziate la Terra ed i vostri compagni per avervi permesso di

condividere questa esperienza

No Comments

Post A Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: