logo
We are an amazing agency
The term minimalism is also used to describe a trend in design and architecture where in the subject is reduced to its necessary.
Read More →
Progetto "Ortoamico", l'orto per recuperare terreni incolti
52
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-52,qode-quick-links-1.0,woocommerce-no-js,ajax_updown,page_not_loaded,,qode-title-hidden,side_area_uncovered_from_content,columns-4,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-16.4,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
Custom Field

Lorem ipsum dolor sit amet

Date
Category
Art
About This Project

PROGETTO “ORTOAMICO”

 L’idea è nata parlando di come, tempo fa, ogni famiglia avesse un orto più o meno grande, che serviva tanto per approvvigionarsi di verdure e frutta quanto da punto di incontro giornaliero per gli anziani.

Il recupero di vaste zone incolte, sia pubbliche che private, potrebbe dare vita ad una serie di orti e giardini “sociali” che, potrebbero rappresentare nuovi spunti di interesse e di incontro per gli anziani e per quelle fasce di persone escluse per vari motivi dal mondo del lavoro, oltre alla possibilità di nuove conoscenze per i giovani che volessero avvicinarsi all’orticoltura.

Le varie fasi:

  • Organizzazione di corsi di formazione sull’orticoltura tradizionale e sui nuovi metodi di coltivazione biologica come la permacoltura, l’orto sinergico, il ”sistema Manenti”, che permetterebbero di omologare nuove figure professionali e di qualificare la produzione.
  • Acquisire dai Comuni e dai Privati che intendono aderire all’iniziativa alcuni terreni da preparare all’utilizzo ed avviare le giuste coltivazioni
  • Proporre l’acquisto dei prodotti nei paesi stessi a prezzi sociali, mediante la distribuzione a domicilio di cestini prenotati ( si veda l’esperienza dei Piccoli Produttori Biellesi) o esperienze di “farmer market”.

Le valenze:

  • recupero, salvaguardia e riutilizzo di terreni incolti, spesso origine di danni ambientali ( incendi ed alluvioni)
  • trasmissione delle conoscenze tradizionali e punto di incontro tra generazioni
  • educazione alimentare diretta sul territorio
  • riscoperta della cucina tradizionale
  • disposizione di prodotti di migliore qualità e a migliori prezzi
  • collegamento al tessuto ed alla realtà sociale della zona

 

Da non trascurare è la possibilità di godere di fondi destinati alla formazione, alla tutela del territorio ed al recupero delle attività tradizionali che garantirebbero la vitalità del progetto nelle sue fasi iniziali.

Attualmente stiamo lavorando al recupero di un orto al Favaro e diverse persone hanno manifestato il loro interesse e la loro disponibilità per utilizzare nuovi terreni.